LUCA FIORENTINI

facebook twitter google-plus you-tube amazon
 

Cd Mendelssohn con lo Stradivari Cristiani, Stauffer di Cremona

 
 

E' uscito il CD di Mendelssohn con lo Stradivari "Cristiani - Stauffer"

image

E' uscito il cd di Mendelssohn delle opere complete per cello e piano. Con Luca Fiorentini al famoso violoncello Stradivari "Stauffer - ex Cristiani" e Stefania Redaelli al piano.

Questo cd presenta per la prima volta il suono di uno dei violoncelli Stradivari più importanti e interessanti sia dal punto di vista della liuteria che per la storia che gli appartiene: il violoncello ‘Stauffer – ex Cristiani’. Questo meraviglioso strumento e’ stato concesso gentilmente dalla’ Fondazione Walter Stauffer’ di Cremona in via assolutamente straordinaria a Luca Fiorentini per poter eseguire questo cd il tutto in collaborazione con il Comune di Cremona, che e’ il conservatore dello strumento e con la ‘Fondazione Teatro Ponchielli’, che gentilmente ha fornito per questo progetto discografico il suo magnifico teatro.

» continue reading

Luca Fiorentini e il Progetto Stradivari Cristiani

image

Luca Fiorentini insieme con la pianista Stefania Redaelli  ha ricevuto l'onore dalla Fondazione "Stauffer"  di incidere al Teatro Ponchielli di Cremona un cd della integrale delle opere per violoncello e pianoforte di Felix Mendelsshon per una importentissima casa discografica con il violoncello  Stradivari di proprieta' della fondazione "Stauffer" appartenuto alla grande solista internazionale,

» continue reading

Antonio Stradivari ex Cristiani, 1700 - Violoncello

La Fondazione W. Stauffer, l'11 novembre 2005, ha acquistato il violoncello "Cristiani" costruito da Antonio Stradivari nel 1700. Si realizzava così il sogno del presidente della fondazione, Paolo Salvelli, di affiancare alle altre celebri opere che costituiscono la collezione "Gli archi di Palazzo Comunale di Cremona" un violoncello in modo da completare strumentalmente la forma che costituisce l'ensemble quartettistica (2 violini, 1 viola e 1 violoncello). Il suo stato di conservazione è eccezionale; la bellezza dell'acero del fondo si accoppia alla particolare qualità dell'abete rosso della tavola armonica e all'eccellenza della vernice. L'equilibrio fra le quattro corde e la prontezza di emissione del suono pongono questo strumento tra le opere più significative di Stradivari. Il nome di questo strumento ricorda quello della giovane violoncellista Lisa Cristiani che lo possedette e alla quale Mendelssohn dedicò la "Romanza senza parole" op. 109.

» continue reading

Liuteria: Cremona, il ritorno degli Stradivari - Violoncello Cristiani anno 1700

In occasione dell'importante acquisizione del Violoncello ''Cristiani" da parte della città di Cremona, pubblichiamo un pregevole articolo di Charles Beare su questo leggendario strumento.

Il violoncello ''Cristiani'' è uno strumento eccezionalmente bello e storicamente assai importante. Venne infatti costruito da Antonio Stradivari nel 1700, e per il liutaio cremonese segnò - insieme all'altro violoncello realizzato nello stesso anno e ora nella Collezione Reale di Madrid (ma non nelle stesse buone condizioni di questo) - il passaggio dai grandi formati realizzati nell'ultimo decennio del 1600 secondo la scuola degli Amati verso quel modello di violoncello che lo stesso Stradivari chiamò "forma B", che è considerato come il modello perfetto di violoncello e perciòuna delle più geniali creazioni stradivariane.

» continue reading

Hugo Becker

Hugo Becker was a prominent cello teacher of the early twentieth century, who had studied as a youth with Piatti, and the infamous Grutzmacher in Dresden. (Grutzmacher is the "author" of the Boccherini B Flat Concerto, in its most widely seen form.)

Becker was born in 1864 in Strasbourg in Alsace, the son of a famous violinist. His father started teaching him the violin at the age of six, but he loved the cello, and switched over at the age of nine. He was a child prodigy of sorts, and by the age of 15 had become a leading cellist in the Court Orchestra in Mannheim. He also toured with a string quartet made up of his father, sister, brother and himself.

» continue reading