LUCA FIORENTINI

facebook twitter google-plus you-tube amazon
 

Rassegna Stampa

Articoli e recensioni su Luca Fiorentini
 

Recensione CD Mendelssohn su Amazon

image

Un disco che è anche un documento. Vi si incide uno degli strumenti storici della liuteria mondiale: il violoncello appartenuto a Lisa Cristiani (anche Christiani), lo stesso, sembra, per cui Mendelssohn scrisse la sua musica e, con ogni probabilità, anche Beethoven (vedi il ciclo per violoncello dell'Op. 5). Si ha così la possibilità - non da poco - di entrare all'epoca della prima esecuzione pubblica, accompagnati dal suono potente e armonico di uno dei pochi Stradivari rimansti, ora di proprietà della Fondazione Stauffer di Cremona.

» continue reading

Un tesoro di violoncello impreziosisce le Settimane

L'eccezionale strumento, uno Stradivari del 1700 del valore di 9 milioni di euro, regala emozioni incredibili all'Olimpico

image

Che sia un tesoro è innegabile: coi suoi 9 milioni di euro è rischioso ed impegnativo anche muoverlo per pochi metri. Eppure il violoncello "Stauffer-ex Cristiani", per gentile concessione della Fondazione Walter Stauffer è venuto da Cremona a Vicenza, protagonista in uno splendido concerto per le Settimane Musicali. Con una scorta degna di un funzionario di alto rango e che ne tutela la preziosa incolumità. Nulla di eccessivo, se si pensa che è uno Stradivari da lui fatto nel 1700 ed è considerato unanimemente uno dei violoncelli più belli del mondo. Ancora in uno stato di conservazione eccezionale si distingue per la bellezza del legno d'acero, l'abete rosso della tavola armonica e la vernice dal colore rosso bruno così brillante da non dimostrare di avere oltre 3 secoli.

» continue reading

REVIEW RECORDING OF THE MONTH

image

The first thing that struck me about this disc is that while we may usually think of Brilliant Classics -well named in my opinion - only in terms of reissues of discs originally released on other labels this disc was recorded by them only at the beginning of this very year. In fact the sessions took place the day after New Year’s Day. The results reflect a real labour of love from a time of the year when most of us are still recovering from our celebrations!

The next thing to strike you is that this is a showcase for the cello being played here. It is the first time this particular and very special instrument has ever been recorded in its 312 year existence. That makes the disc something special even before you listen to it and this is confirmed when you do. This cello, one of the over 600 instruments made by Antonio Stradivarius that still exist, was once owned by Lise Cristiani, hence its name. Lise Cristiani (1827-1853) was the first female cellist of note. Even at the age of 18 in 1845 her playing had such an impact on Mendelssohn, who saw her in concert, that he wrote the Lied ohne Worte in D Op.109 (track 14) for her. They played it together in Leipzig on 18 October that year; I’d have loved to have been present at that concert! Lise had bought this cello from luthier Bernardel. It must have been expensive since even in Stradivarius’ day his instruments commanded large sums of money, enough to afford him an extremely comfortable existence, including a house costing £40,000. Lise toured all over Europe and sadly died at the tragically early age of 26 from cholera contracted in Tobolsk. This was during an extensive 40 concert 20,000 kilometre tour through Siberia (!) fulfilling her aim of taking music to places where no-one had had the chance of hearing it before. So then to the music.

» continue reading

Rassegna stampa del duo Fiorentini – Drago

Luca Fiorentini ha fatto sognare gli ascoltatori

image

In duo col pianista Alessandro Drago sono stati eseguiti capolavori della musica da camera classica

Sin dall’inizio hanno cominciato alla grande, non risparmiandosi nemmeno per un minuto ed eseguendo con estrema eleganza capolavori della musica da camera classica: Luca Fiorentini, violoncello e Alessandro Drago, pianoforte. Prima della pausa estiva, davanti a circa 100 ascoltatori nella Gartensaal del castello, ha avuto luogo ancora un commovente concerto da camera organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura. Il concerto si è aperto “in medias res” con il primo assolo di violoncello della Sonata in la maggiore op. 69 di Ludvig van Beethoven, un tema melodico, che inizia un vivace dialogo con il partner al pianoforte. Come una presenza di colore, Alessandro Drago suonava (In farbiger Präsenz musiziert…) raccogliendo al volo la palla melodica lanciatagli dal violoncellista, restituendola rielaborata tematicamente. Gli artisti sviluppano pensieri alti, forti ed estremamente accentuati, accrescono con pienezza incalzante timbro e vigore, prima di concludere il primo movimento con energia lirica (Hymnischer Energie), che risulta quasi troppo forzata per il luogo, che ha tolto al suono un po’ della sua lucentezza. Nello Scherzo, che si alterna con un Trio arrangiato soavemente e in maniera danzante, i musicisti hanno caratterizzato, con un animato gioco d’alternanza, i passaggi vigorosamente briosi dello Scherzo, in contrasto con i suoni del Trio semplici e soavi.

» continue reading

Concerto di Udine

...E di grande concertismo si e' trattato-come altre volte ci e' capitato di ascoltare- nella proposta di una Sonata di Brahms op.38 e di una di Shostakovich op.40 .
Fin dalle prime note del suggestivo tema iniziale si e' colta la straordinaria capacita' di Fiorentini di immedesimarsi nel palpitante romantik brahmsiano che ha consegnato con quest' opera un vero e proprio gioiello cameristico...

» continue reading

Concerto di Lamezia Terme

...la non comune capacita' introspettiva di Fiorentini e Drago ha consentito di delineare le conflittualita' esistenziali Debussiane , intrise di pathos , senza tecnicismo alcuno. La spiccata musicalita' , la freschezza del fraseggio, le coloriture dinamiche hanno saputo creare una lettura suggestiva ricca di fioriture melodiche.

» continue reading

Cd delle 6 Sonate di Antonio Vivaldi per violoncello e basso continuo

...la performance del violoncellista Luca Fiorentini e' di tutto rilievo e tende sopratttutto ad evidenziare la cantabilita' e il bel suono che questo giovane talento sa sfoggiare ampiamente.

» continue reading